Promozione Skin Care Kiko -30%

martedì, ottobre 02, 2012

Le maschere, la linea Anti Age, 3 D, Pure Clean e altro ancora dei prodotti skin care di Kiko sono da oggi con lo sconto del 30%. Io farò scorta dello Cleansing Pure Gel, ottimo!


You Might Also Like

13 comments

  1. Cavoli, ero alle Vele proprio ieri, che sfiga :-( sig sig

    RispondiElimina
  2. Ciao Susi, scusami ma il tuo blog non segue un'etica cruelty-free? Come mai sponsorizzi e usi la Kiko che non appare su nessuna lista e quindi quasi sicuramente è testata sugli animali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vicky tu stessa mi hai scritto "quasi sicuramente": o si è sicuri di sì o di no. tu hai letto la dichiarazione di kiko a tale proposito?

      Elimina
    2. L'ho letta e non mi convince affatto perchè parla solo di materie prime testate dal 2004 in poi! E quelle testate prima le utilizzano lo stesso?

      Elimina
    3. allora perchè invece lasci il beneficio del dubbio a Illamasqua come hai scritto nel tuo blog, che dichiara una cosa analoga pur non essendo nemmeno lei in alcuna lista?

      Elimina
    4. Innanzitutto le dichiarazioni di Illamasqua sono molto più forti e chiare, prive di giri di parole, di numeri e di indicazioni di date che servono solo a confondere le idee a chi, come noi, cerca di optare per una via cruelty-free. Illamasqua afferma che i suoi prodotti non sono MAI stati testati su animali e contengono ingredienti che non sono MAI stati testati, visto che si avvale unicamente di fornitori di materia prime che seguono la stessa filosofia. E comunque ho scritto che "Nonostante questo, per il momento la tengo fra quelle case sulle quali voglio acquisire informazioni ulteriori, dal momento che non è riconosciuta né dalla PETA né dalla BUAV", quindi per ora non rientra nella lista delle marche che acquisterò.
      Mi dispiace, il mio non voleva essere un attacco o una critica, è solo che non avevo mai visto in altri blog cruelty-free considerare la Kiko come cruelty-free.

      Elimina
    5. il fatto che Illamasqua scriva più chiaro e forte di Kiko è un tuo giudizio, il mio è che ha scritto una cosa e io ho voluto considerare le loro affermazioni, come tu hai fatto con Illamasqua, pur stando sempre attenta a qualsiasi altro dato mi dovesse giungere, come tu hai scritto che comunque ti riservi di fare ulteriori ricerche.
      capisco che non è una critica ma ho voluto prima sapere con chi stavo avendo un confronto, visto che tu sei stata la prima ad aprire il discorso. come ho scritto nel mio post dedicato all'argomento liste, ho fatto anche io le mie ricerche e le varie letture di dichiarazioni aziendali. il mio punto di vista, e qui mi sa che è un po' diverso dal tuo, è che allo stato attuale l'apparire in una lista è sinonimo di garanzia, ma non è sempre vero il contrario, ovvero che il non apparire significhi automaticamente "test sugli animali assicurati". per Kiko, date le sue dichiarazioni, l'ho interpretata così. e per lo stesso motivo non mi sentirei di fare una lista del non cruelty free come ho letto intendi fare tu, perchè non si può avere la certezza assoluta e si rischia di stilare una lista con dati non certi.
      spero che ora il mio punto di vista ti sia più chiaro.

      Elimina
    6. Per quanto riguarda la liste dei prodotti non cruelty-free, ci sono aziende che ammettono personalmente di realizzare test sugli animali, quindi ritengo che possa considerarsi certo che dette aziende effettivamente vi facciano ricorso (vedi Procter&Gamble http://www.pg.com/en_US/sustainability/point_of_view/animal_welfare.shtml)
      Per quanto riguarda il tuo punto di vista, adesso mi è più chiaro e ti ringrazio. Allora speriamo che presto sia la Kiko che la Illamasque compaiano sulle liste crulety-free!

      Elimina
    7. le ultime notizie rilasciate da kiko pare siano definitive, ti riposto quanto hanno scritto: "KIKO ha deciso di non iscriversi ad enti privati per non essere strumentalizzata, dovendo pagare quote annuali per ottenere la certificazione; per potersi focalizzare sulla ricerca di innovazioni sicure per la salute umana. Evidenziamo inoltre che KIKO, nello sviluppo di nuovi prodotti, verifica l’assenza di test di sicurezza effettuati sugli animali."
      una scelta che divide in due fazioni, senza dubbio: chi è d'accordo e chi no. da parte mia temo di non avere elementi sufficienti per giudicare, non ho proprio idea di come funzioni l'iscrizione agli enti nè i costi (una volta ho letto delle cifre, ma da fonti che non mi davano nessuna attendibilità).
      l'augurio è che tutto sia svolto in buona fede (anche per quanto riguarda il profitto), ma mi rassicura sapere che esistono persone come me e te che non si accontentano dei "sentito dire" e tendono sempre a informarsi un po' di più, e che nonostante tutto tengano sempre un occhio aperto. nel caso venga fuori qualche azienda che "sgarra" da quanto dichiarato, anche solo ci provi (vedi il caso Urban Decay), ci saremo noi a dar loro del filo da torcere ;)

      Elimina
    8. Capisco...purtroppo avere la certezza al 100% è impossibile, quindi concordo con te, la scelta di quali marche usare o meno sta a noi! Penso che la collaborazione e il confronto fra persone che la pensano allo stesso modo su questo tema sia importantissima, quindi sono sempre aperta a suggerimenti e critiche :)
      Ecco a te le dichiarazioni di altri tre colossi che purtroppo affermano di testare:
      Johnson & Johnson's: http://www.jnj.com/responsibility/ESG/social/product_development/animal_research
      Colgate-Palmolive: http://www.colgate.com/Colgate/US/Corp_v2/LivingOurValues/Sustainability/RespectForPeople/RespectForConsumers/AssuringProductSafety/product_safety.pdf
      Unilever: http://www.unilever.com/sustainable-living/Respondingtostakeholderconcerns/testing/

      Elimina

Informazioni personali

La mia foto

Un luogo in mezzo ai boschi dove un'Elfa rivela i suoi incantesimi di Beauty, Moda e Lifestyle

Facebook www.facebook.com/iltaccuinodellelfa
Twitter twitter.com/taccuinoelfa
Pinterest www.pinterest.com/taccuinoelfa
Instagram www.instagram.com/iltaccuinodellelfa

Google+